Bacchetta di Narcissa Malfoy

La bacchetta di Narcissa Malfoy è realizzata in legno di Acacia con nucleo in Piuma di Fenice, è molto flessibile ed è lunga 10 pollici, all’incirca 25,5 centimetri.

L’Acacia è un materiale utilizzato molto raramente per la costruzione di bacchette, in quanto conferisce loro un carattere estremamente suscettibile. Questo le rende poco appetibili e quindi scarsamente richieste. In compenso, sono fedeli al loro proprietario, al quale, se talentuoso, assicurano risultati importanti. Per quanto riguarda la bacchetta di Narcissa Malfoy, il nucleo in Piuma di Fenice ne rende l’utilizzo ancora più difficile. Tra tutti i materiali utilizzati per la costruzione del nucleo delle bacchette magiche, la Piuma di Fenice è quello più raro, proprio perché rende questi strumenti ardui da domare. Tuttavia, la Piuma di Fenice conferisce alla bacchetta poteri straordinari.

La bacchetta della Noble Collection

Riproduzione originale della bacchetta di Narcissa Malfoy. Oggetto da collezione, realizzato in resina e dipinto a mano, fornito con l’apposita custodia.

Qui potete leggere svariate recensioni di questa bacchetta su Amazon.


Se siete dei collezionisti e dei fan delle bacchette un’altro importante pezzo da collezione è la Bacchetta di Lucius Malfoy.

 

 

La Bacchetta di Narcissa Malfoy: proprietà e curiosità

Narcissa, appartenente a una famiglia di Purosangue, frequentò la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts. Sposò Lucius Malfoy, dal quale ebbe un unico figlio di nome Draco. Narcissa era legata al figlio da sentimenti di profondo affetto. Benché non sia mai entrata a far parte dei Mangiamorte, come invece aveva fatto suo marito, condivideva gli ideali di Lord Voldemort.

Narcissa cedette la sua bacchetta al figlio Draco nel 1998, dopo che Harry Potter si impossessò, a Villa Malfoy, della bacchetta del suo coetaneo e compagno di studi. È probabile che la bacchetta sia stata distrutta quando, nella Stanza delle Necessità quando Vincent Tiger evocò l’ardemonio, il fuoco maledetto, che costò la vita allo stesso Tiger.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *